Attrice, ballerina e acrobata: la poliedrica figura di June Preisser

June Preisser è stata una star del cinema americano degli anni ’30 e ’40, ma il suo nome è caduto nell’oblio con il passare degli anni. Tuttavia, la sua vita e la sua carriera sono ancora degne di essere raccontate.

June Preisser

Esploreremo l’infanzia di June Preisser e la sua passione per le acrobazie, il successo nel vaudeville e nelle Ziegfeld Follies, la carriera cinematografica alla MGM, il declino della sua carriera e il passaggio alla Monogram Pictures, la serie Teen Agers che l’ha vista come protagonista, la sua vita dopo il ritiro dal cinema come insegnante e impiegata, e infine la tragica fine di June Preisser e di suo figlio in un incidente stradale. Un racconto che non può non suscitare emozioni e curiosità.

L’infanzia di June Preisser: l’inizio della sua passione per le acrobazie

L’infanzia di June Preisser è stata segnata dall’inizio della sua passione per le acrobazie. Fin da piccola, infatti, dimostrava un’energia sconfinata e una grande propensione per l’attività fisica. Cresciuta in una famiglia modesta, ha trovato nella palestra della scuola la sua seconda casa. Qui ha scoperto la sua passione per la ginnastica e le acrobazie, che le hanno permesso di esprimere la sua creatività e la sua voglia di fare. Grazie alla sua abilità, June ha partecipato a numerose gare e spettacoli, attirando l’attenzione dei talent scout del vaudeville. Da qui è iniziata la sua carriera nel mondo dello spettacolo, che l’avrebbe portata a diventare una delle star più amate degli anni ’40.

Nonostante il successo raggiunto, June non ha mai dimenticato le sue radici e la passione per l’attività fisica. Durante le riprese dei suoi film, infatti, continuava ad allenarsi e a sperimentare nuove acrobazie, diventando sempre più brava e versatile. La sua determinazione e il suo talento sono stati la chiave del suo successo, che l’hanno portata ad essere apprezzata dal pubblico di tutto il mondo.

In questo periodo della sua vita, June Preisser ha imparato a superare le difficoltà e ad affrontare le sfide con coraggio e determinazione. Grazie alla sua forza interiore e alla sua passione per l’arte dell’acrobatica, è riuscita a diventare una delle star più amate del cinema americano, conquistando il cuore di milioni di spettatori in tutto il mondo.

Il successo nel vaudeville e nelle Ziegfeld Follies

Dopo aver iniziato a praticare acrobazie sin dall’infanzia, June Preisser si avvicinò al mondo dello spettacolo come ballerina di fila. La sua bravura e la sua bellezza non passarono inosservate, tanto che presto ottenne un ruolo nelle Ziegfeld Follies, il celebre spettacolo di Broadway. Qui June si distinse per le sue doti canore e per le sue coreografie, che le valsero l’attenzione del pubblico e della critica. La sua carriera nel vaudeville e nelle Ziegfeld Follies fu brillante e le permise di entrare nel mondo del cinema. Grazie alla sua esperienza sul palcoscenico, June mostrò una grande capacità di recitazione e una notevole presenza scenica. Il suo talento venne notato dalla MGM, che la ingaggiò per una serie di film musicali. Nonostante il successo nel cinema, June non abbandonò mai il vaudeville e continuò ad esibirsi in spettacoli dal vivo anche durante gli anni ’30 e ’40. Il successo nel vaudeville e nelle Ziegfeld Follies rappresentò per June un periodo di grande realizzazione professionale e personale. La sua passione per lo spettacolo le permise di esprimere se stessa al massimo delle sue potenzialità, regalando emozioni al pubblico che la seguiva con ammirazione.

La carriera cinematografica di June Preisser alla MGM

La carriera cinematografica di June Preisser alla MGM è stata caratterizzata dalla sua abilità acrobatica e dalla sua freschezza sullo schermo. La giovane attrice è stata scritturata dalla Metro Goldwyn Mayer negli anni ’30, interpretando ruoli da spalla in film come “Una notte all’opera” e “Il mago di Oz”. La sua abilità acrobatica è stata sfruttata in numerose scene di danza e acrobazie in diversi film musicali, tra cui “Broadway Melody of 1938” e “Cantando sotto la pioggia”. Tuttavia, nonostante il suo talento, la MGM ha spesso trascurato il suo potenziale come attrice drammatica, relegandola a ruoli secondari e stereotipati.

Nonostante ciò, June Preisser è riuscita a distinguersi nel panorama cinematografico grazie alla sua energia contagiosa e alla sua presenza sullo schermo. Il pubblico ha apprezzato la sua vivacità e il suo sorriso radioso, che le hanno permesso di diventare una delle attrici più popolari del suo tempo. Tuttavia, la sua carriera alla MGM si è interrotta bruscamente alla fine degli anni ’40, quando lo studio ha deciso di non rinnovare il suo contratto. Nonostante ciò, June Preisser ha continuato a lavorare nel cinema indipendente, interpretando ruoli in film come “I Was a Teenage Werewolf” e “The Rebel Set”.

In definitiva, la carriera cinematografica di June Preisser alla MGM è stata un mix di successi e delusioni. Nonostante i suoi limiti come attrice drammatica, la sua abilità acrobatica e la sua personalità vivace l’hanno resa una presenza indimenticabile sullo schermo. Anche se il declino della sua carriera è stato inevitabile, June Preisser rimane una figura amata dai fan del cinema classico per la sua energia e il suo talento unici.

Il declino della carriera di June Preisser e il passaggio alla Monogram Pictures

Dopo il successo alla MGM, la carriera di June Preisser ha subito un declino. La sua immagine pubblica era ormai legata a ruoli da ragazza sbarazzina e atletica, ma con l’avvento della Seconda Guerra Mondiale, i gusti del pubblico cambiarono e la MGM decise di non rinnovare il suo contratto. Fu così che June si trovò costretta ad accettare un contratto con la Monogram Pictures, una casa di produzione specializzata in film a basso costo. Nonostante fosse lontana dai fasti di Hollywood, June continuò a lavorare duramente per mantenere la sua carriera attiva. La Monogram Pictures le offrì diversi ruoli, principalmente in film per ragazzi e musical a basso costo. Tuttavia, questi film non erano all’altezza dei suoi precedenti lavori alla MGM e la sua popolarità diminuì ulteriormente. June si ritrovò quindi relegata a ruoli secondari e spesso dimenticati dal grande pubblico. Nonostante tutto, continuò a lavorare duramente fino alla fine degli anni ’40, quando decise di abbandonare definitivamente il cinema per dedicarsi all’insegnamento e al lavoro d’ufficio. Il passaggio alla Monogram Pictures segnò la fine dell’età dell’oro della carriera di June Preisser, ma non la fine della sua passione per il cinema. La sua determinazione e il suo impegno sono rimasti un esempio per molti giovani attori che cercano di emergere nel mondo del cinema.

The Teen Agers: la serie di film che ha visto protagonista June Preisser

Tra le opere più importanti della carriera di June Preisser vi è la serie di film “The Teen Agers”. Questa serie, prodotta dalla Monogram Pictures, ha visto la Preisser come protagonista in ben sei film, girati tra il 1946 e il 1948. In questi film, June interpreta sempre personaggi giovani e spensierati, tipici dell’immaginario adolescenziale americano del tempo. La Preisser riesce a rendere con grande naturalezza l’entusiasmo e la vitalità di questi personaggi, conferendo loro un’eleganza e una grazia che le erano proprie. In particolare, il personaggio di “Betty Rogers”, interpretato dalla Preisser in tutti i film della serie, è diventato un’icona per molti adolescenti dell’epoca. Nonostante il successo di pubblico, la critica non ha mai accolto favorevolmente questi film, considerandoli opere di poco spessore artistico. Tuttavia, è innegabile che la serie di “The Teen Agers” abbia contribuito a consolidare la fama della Preisser come attrice specializzata in ruoli giovanili. Inoltre, questi film rappresentano un interessante documento storico sulla cultura popolare degli anni ’40 negli Stati Uniti.

Dopo il ritiro dal cinema: la vita di June Preisser come insegnante e impiegata

Dopo il suo ritiro dal mondo del cinema, June Preisser ha intrapreso una nuova carriera come insegnante e impiegata. Ha insegnato danza e teatro presso la California State University a Northridge e il Los Angeles Pierce College, aiutando molti giovani a sviluppare le loro passioni artistiche. Tuttavia, la vita di insegnante non è stata sempre facile per lei. Preisser ha dovuto affrontare molte difficoltà economiche, spesso costretta ad accettare lavori poco remunerativi per sbarcare il lunario. Nonostante ciò, ha continuato ad insegnare con passione e dedizione, cercando sempre di ispirare i suoi studenti a perseguire i loro sogni.

In seguito, Preisser ha lavorato come impiegata presso l’ufficio immigrazione degli Stati Uniti, dove si è occupata di assistere gli immigrati che cercavano di ottenere la cittadinanza americana. Questa esperienza l’ha portata ad essere molto sensibile alle problematiche sociali e politiche del suo paese, diventando un’attivista per i diritti civili. Ha partecipato attivamente alla campagna presidenziale di Robert F. Kennedy nel 1968, che purtroppo si concluse tragicamente con l’assassinio del candidato.

Nonostante le difficoltà incontrate nella sua vita post-cinema, June Preisser è riuscita a trovare un nuovo scopo nella sua carriera di insegnante ed impiegata. La sua passione per l’insegnamento e la sua sensibilità sociale l’hanno portata ad essere un modello positivo per molti giovani e ad avere un impatto significativo sulla società in cui viveva.

La tragica fine di June Preisser e suo figlio in un incidente stradale

La vita di June Preisser è stata segnata da un’ultima tragedia: la sua morte insieme al figlio in un incidente stradale. Era il 19 aprile del 1984 quando la Preisser, all’età di 62 anni, stava viaggiando con il figlio Robert in auto sulla Highway 99, vicino a Fresno, California. Improvvisamente, un tir proveniente dalla corsia opposta ha invaso la loro carreggiata e ha colpito la loro auto frontalmente. Entrambi sono morti sul colpo. La notizia della loro morte ha sconvolto gli amici e i parenti della Preisser, ma anche i suoi fan che non l’avevano mai dimenticata. La sua tragica fine è stata l’ultimo atto di una vita piena di alti e bassi, di successi e delusioni. La Preisser aveva dedicato tutta se stessa al mondo dello spettacolo, ma alla fine era stata travolta da una sfortuna che non le aveva mai dato tregua. La sua morte prematura ha segnato la fine di un’epoca, quella del cinema classico americano, in cui June Preisser aveva avuto il suo momento di gloria. Ma per coloro che l’hanno conosciuta o ammirata, il ricordo di June Preisser rimarrà vivo per sempre.

La vita di June Preisser è stata una combinazione di successo, sfortuna e tragedia. Nonostante la sua carriera cinematografica sia stata breve, ha lasciato un’impronta indelebile nel mondo dello spettacolo grazie alla sua abilità acrobatica e al suo talento artistico. La storia di June Preisser ci ricorda che il successo può essere effimero e che la vita è imprevedibile. Ci fa riflettere sulla fragilità dell’esistenza umana e sull’importanza di apprezzare ogni momento della vita. Forse, l’eredità più importante che June Preisser ci ha lasciato è la sua passione per l’arte e la sua perseveranza nel perseguire i propri sogni nonostante le difficoltà incontrate lungo il cammino. Questa è una lezione preziosa che può ispirare chiunque a seguire le proprie passioni con coraggio e determinazione, indipendentemente dalle circostanze.

Filmografia


Martin Parr Mostra Milano al Mudec

Martin Parr. “Short & Sweet”, la mostra al MUDEC

Martin Parr. “Short & Sweet”, la mostra al MUDEC Oltre 60 fotografie selezionate dall’autore insieme all’installazione Common Sense composta dacircaContinue Reading

I dieci libri di fotografia più famosi

I dieci libri di fotografia da non perdere La fotografia, un linguaggio universale che cattura l’anima di un momento, haContinue Reading

Berenice Abbott

Berenice Abbott

Berenice Abbott Fotografa – Springfield, 17 luglio 1898 – Monson, 9 dicembre 1991 Berenice Abbott è stata una fotografa americana di spicco, celebre per i suoiContinue Reading

renato fioravanti

RENATO FIORAVANTI, IL TEATRO DELLE MARIONETTE

RENATO FIORAVANTI, IL TEATRO DELLE MARIONETTE Renato Fioravanti è stato uno dei personaggi più influenti nella storia della fotografia italiana.Continue Reading

Sandy Skoglund

Sandy Skoglund. Mondi immaginari.

Sandy Skoglund. I mondi immaginari della fotografia. 1974 – 2023 Senigallia, la Città della Fotografia, accoglie con entusiasmo una nuovaContinue Reading

gabriele basilico

Gabriele Basilico: Le mie città

Gabriele Basilico: Le mie città | Dal 13.10.23 al 11.02.24 A dieci anni dalla scomparsa, Milano dedica a Gabriele BasilicoContinue Reading

oliviero toscani palazzo reale

Oliviero Toscani Professione fotografo

Oliviero Toscani Professione fotografo | Apre il 24 giugno 2022 a Palazzo Reale Milano, la mostra OLIVIERO TOSCANI. Professione fotografo,Continue Reading

Tina Modotti Mudec: immagine della mostra

Tina Modotti al MUDEC: Donne, Messico e Libertà

Tra le più grandi interpreti femminili dell’avanguardia artistica del secolo scorso, Tina Modotti espresse la sua idea di libertà attraversoContinue Reading

Tina Modotti fotografa attivista e attrice

Tina Modotti: fotografa, attivista e attrice italiana

Assunta Adelaide Luigia Modotti Mondini, abbreviata in Tina Modotti (Udine, 1896 – Città del Messico, 1942), fu una fotografa, attivistaContinue Reading

Elliott-Erwitt-Dogs-Yokohama

Street Photography: 3 libri che non puoi perderti se ami la fotografia

Ti è mai capitato di passeggiare per strada ed essere colpito da qualcosa o qualcuno? Un’architettura o un volto? ProvareContinue Reading

Todd Webb in Africa scatti

Todd Webb: le fotografie perdute dell’Africa del ’50

Ritrovate nel 2015 le fotografie di Todd Webb. Le immagini da lui scattate nel continente africano raccontano di un popoloContinue Reading

Jeanne Bertrand

Jeanne Bertrand, fotografa e scultrice

Jeanne Bertrand, fotografa e scultrice Jeanne Bertrand, fotografa e scultrice: nasce il 26 settembre 1880 ad Agnières-en-Dévoluy e muore ilContinue Reading