In Provenza a bordo di un treno a vapore?

In Provenza a bordo di un treno a vapore?

Un incredibile viaggio di tre ore e 151 chilometri, immerso nella splendida bellezza dell’entroterra montano tra Nizza e Digne-les-Bains. A bordo del rinomato “Treno delle Pigne”, un convoglio leggendario che ha guadagnato questo affascinante nome durante la Seconda Guerra Mondiale.

In quel periodo oscuro, i coraggiosi macchinisti, privi di carbone, hanno utilizzato le pigne disseminate lungo il tragitto come prezioso combustibile. Questa esperienza unica ti condurrà in una dimensione suggestiva, dove storia e natura si intrecciano in modo indimenticabile


Train des Pignes – Ph credit www-traindespignes.fr

Da maggio a ottobre

Da maggio a ottobre, il treno a vapore di Pignes vi propone un’immersione nell’atmosfera di un treno di una volta, a bordo di vagoni storici tra Puget-Thénier e Annot. Ogni anno, infatti, viene messa in circolazione la locomotiva a vapore degli anni ’20, classificata come monumento storico.

Il Treno delle Pigne, un po’ di storia…

Il progetto ambizioso di creare una linea ferroviaria tra Nizza e Digne fu concepito nel lontano 1861 da Alphonse Beau de Rochas, un illustre ingegnere di Digne. Tuttavia, ci vollero ben cinquant’anni prima che questo progetto potesse finalmente prendere forma. Fu solo nel 1890, quando le difficoltà del terreno costrinsero lo Stato a optare per una larghezza di un metro, che la Compagnie des Chemins de fer du Sud de la France decise di intraprendere questa impresa.

L’inizio di questa straordinaria avventura ferroviaria ebbe luogo nella sontuosa “Gare du Sud” di Nizza, da cui la ferrovia raggiunse Puget-Théniers nel 1892. Allo stesso tempo, la linea proveniente da Digne raggiunse Saint-André-les-Alpes.

Ma fu a partire dal 1900 che i lavori tra queste due tratte presero una svolta decisiva grazie alla realizzazione del maestoso tunnel La Colle-Saint-Michel, che si estende per ben 3.457 metri. Per un decennio intero, centinaia di operai si dedicarono instancabilmente alla costruzione: terrapieni e viadotti furono eretti, trincee e gallerie scavate, stazioni situate a oltre 1000 metri sul livello del mare furono costruite.

Finalmente, nel 1907 il treno raggiunse Entrevaux e Pont-de-Gueydan; nel 1908 Annot; e infine nel 1911 Saint-André, unendo così Nizza e Digne in un percorso ferroviario straordinario ed unico. La linea Nizza-Digne ha vissuto una saga avventurosa: dalla prosperità iniziale alla Prima Guerra Mondiale; dal declino demografico delle montagne alle avversità del periodo tra le due guerre, compresi i sequestri; dal riscatto con l’arrivo delle prime automotrici nel 1935; fino ad affrontare un’altra guerra mondiale con atti di resistenza valorosi e continue minacce di chiusura fino alla fine del XX secolo.

Per preservare e promuovere questa straordinaria storia, i suoi difensori hanno creato il Gruppo di Studio dei Chemins de fer de Provence (GECP). Dal 1980, questo gruppo di volontari ha gestito con passione la linea Train des Pignes à Vapeur che ora è stata modernizzata ed affidata alla Regione Sud – Provenza Alpi Costa Azzurra.

Il percorso

Il treno delle Pigne collega Nizza a Dignes-les-Bains, un percoso di 150 km con 300 metri di dislivello, attraverso panorami alpini e naturali del sud della Francia. Attraversa caratteristici villaggi, Puget-Thénier, Entrevaux, Annot e Le Fugeret



Ma perchè si chiama il “Treno delle Pigne”?

La più folcloristica delle ipotesi sulle origini del nome di questo treno, ci porta ad una notte di Natale: una ragazza rimasta sola con il suo bambino malato si ritrovò a corto di legna per scaldarsi. L’equipaggio di un treno in transito nella notte si fermò per offrirgli il carbone. Più avanti, la locomotiva stessa rimase senza carburante, le pigne degli alberi che costeggiavano il binario caddero direttamente nel tender della locomotiva, che poté così proseguire il suo viaggio.

Un’altra storia, più nota, racconta che la velocità dei treni a vapore era così lenta che i viaggiatori avevano il tempo di scendere a raccogliere i pinoli nei pressi della linea ferroviaria.

Un tempo poco lusinghiero, il nome “Train des Pignes” ha attraversato generazioni, conflitti e difficoltà per restare oggi ancorato nella memoria collettiva, a rappresentare l’affetto delle popolazioni per questo twist provenzale.

Fonti e informazioni utili

Questo articolo è stato scritto basandosi su quanto pubblicato nel sito ufficiale del Gruppo di studio per le ferrovie della Provenza che gestisce, tra le altre cose, il Treno delle Pigne. Informazioni pratiche è possibile reperirle qui!

TAGS

ALTRI ARTICOLI

arte cretese Cretan art: summary and characteristics

La pittura nell’arte minoica: tecniche, colori e temi rappresentati

La pittura nell’arte minoica: tecniche, colori e temi rappresentati La pittura ha avuto un ruolo significativo nell’arte minoica, dimostrando laContinue Reading

Scultura minoica: materiali, forme e connotazioni religiose

Scultura minoica: materiali, forme e connotazioni religiose La scultura minoica, caratterizzata dalla sua squisita fattura e dai dettagli intricati, offreContinue Reading

arte cretese

Il significato della ceramica minoica: tecniche, motivi e simbolismo

Il significato della ceramica minoica: tecniche, motivi e simbolismo La ceramica minoica occupa un posto cruciale nello studio dell’arte minoica,Continue Reading

arte cretese

Una panoramica di temi e caratteristiche artistiche

Soggetto e stile dell’arte minoica: una panoramica di temi e caratteristiche artistiche L’arte della civiltà minoica, che pIl soggetto eContinue Reading

Introduzione all’arte cretese: contesto storico e culturale

Introduzione all’arte cretese: contesto storico e culturale L’arte della civiltà minoica, che prosperò sull’isola di Creta dal 3000 al 1100Continue Reading

grecia antica periodizzazione

Grecia antica periodizzazione

Grecia antica periodizzazione Grecia antica periodizzazione – Civiltà minoica 2600-1450 a.C. Provenienza: secondo l’archeologo inglese Arthur Evans che condusse gliContinue Reading

Per condividere l’articolo